I nuovi soci del Cresme

Ignora collegamentiHome  Articoli  Dettaglio articolo

XXVI RAPPORTO CONGIUNTURALE E PREVISIONALE CRESME SCOPRI DI PIU'

Costruzioni, investimenti, materiali e componenti

GIU

13

2016

La domanda interna di macchine per le costruzioni e lavori stradali torna a crescere

Autore: Claudia Levantesi

Le importazioni a febbraio crescono del +41,3% su febbraio 2015.

Dopo la frenata del -2,4% registrata a gennaio, le importazioni di macchine per le costruzioni e lavori stradali tornano a crescere nel mese di febbraio. Il valore delle macchine importate è pari a 59,6 milioni di euro di macchine e supera il valore di febbraio 2015 del +41,3%; crescita notevole che ha riguardato quasi tutti i settori del comparto e che ha di fatto abbondantemente ammortizzato il calo delle importazioni del primo mese di quest’anno.

Fonte: Osservatorio Vendite Macchine per le Costruzioni realizzato da  CRESME- promosso da Cantiermacchine Ascomac -  Elaborazioni CRESME su dati ISTAT

(1) Macchine per perforazioni, sondaggi, palificazioni/tunneling;

(2) Macchine per la lavorazione degli inerti (selezionatrici e frantumatrici);

(3) Macchine per la produzione di calcestruzzo e prefabbricazione (casseforme, pompe per calcestruzzo, betoniere, autopompe);

(4) Stradali (rulli, rulli semoventi, compattatori, frese, macchine per comprimere, macchine per mescolare, finitrici);

(5) Macchine per il movimento terra (Apripista su cingoli e ruote, Livellatrici, semoventi, Ruspe spianatrici, semoventi, Caricatori, a caricamento frontale, appositamente costruiti per miniere di fondo o altri lavori sotterranei, Caricatori e caricatrici-spalatrici, a caricamento frontale, Escavatori, Pale meccaniche, caricatori e caricatrici-spalatrici , Macchine, apparecchi e strumenti per movimenti di terra, semoventi e no  semoventi, Tazze, benne bivalve, pale, tenaglie e pinze, Lame di apripista, Autocarri a cassone ribaltabile 

 

Totalizzando i dati mensili, in questo primo bimestre del 2016 le importazioni di macchine per le costruzioni e lavori stradali, con un valore pari a più di 102 milioni di euro, superano il dato del 2015 del +19,1%.

Con la sola eccezione delle gru a torre, che nonostante un febbraio “notevole” diminuiscono le importazioni nel primo bimestre del -57,4% rispetto al 2015, per tutti gli altri settori del comparto il valore delle importazioni cresce rispetto al primo bimestre 2015.

Le macchine per la lavorazioni degli inerti, che avevano chiuso il 2015 con un calo del valore delle importazioni del -0,7%, con un incremento notevole, partito già alla fine del 2015, raggiungono in questo primo bimestre il valore di 5,4 milioni di euro in crescita rispetto al primo bimestre 2015 del +138,8%.

A seguire, in ordine d’incremento percentuale su base annua, si trova il settore delle macchine stradali che supera il valore del primo bimestre del 2015 del +47,3%. Le macchine per perforazioni con un valore totale delle importazioni di 21,9 milioni di euro superano il dato dell’anno precedente del +27,7%; la dinamica di crescita costante degli ultimi 4 mesi della rilevazione predispone ad un probabile buon andamento del settore per il 2016. Per il settore delle macchine movimento terra, con un andamento del mercato delle importazioni in crescita costante da anni, il primo bimestre del 2016 conferma la tendenza e i 54,4 milioni di macchine vendute all’estero superano il dato del 2015 del +17,6%.

Da ultime le macchine per il calcestruzzo che nonostante il dato negativo di febbraio chiudono il primo bimestre di quest’anno con un incremento del +2,6%.

 

Riproduzione consentita a condizione di citare la fonte

EDILBOX S.R.L. SOCIETA’ UNIPERSONALE,, utilizza i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione fatte dall’utente in modo da offrire la migliore esperienza sul proprio sito. Inoltre, EDILBOX S.R.L. SOCIETA’ UNIPERSONALE, si riserva di utilizzare cookies di parti terze. Per avere maggiori informazioni e conoscere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l’utente accetta l’uso dei cookies. Per proseguire conferma di aver preso visione di questo avviso cliccando sul tasto qui sotto o su qualsiasi altra parte del sito.